IL DEPOSITO DUAL CURRENCY- CASE STUDY

COME FUNZIONA E QUANDO PUO' ESSERE UTILE

Immagine Unsplash

Il deposito Dual Currency è un deposito di conto corrente che coinvolge due valute differenti
A fronte di un tasso di interesse a credito a discrezione del cliente nell'ambito di un range selezionato, la valuta di rimborso del capitale e degli interessi maturati sarà determinata successivamente la stipula del contratto. Il giorno in cui si determina la valuta del rimborso è detta data di rilevazione ed è due giorni lavorativi antecedente la data di scadenza del deposito stesso.  

Il livello di conversione è funzione del tasso di interesse percepito, della durata del deposito stesso e dal tasso di cambio corrente. Quindi si possono modulare  scenari indicando diversi livelli di conversione e modificando il tasso di interesse percepito e/o la durata del deposito. 

Tale prodotto è utile per aziende con depositi in euro, con volontà di ottimizzarne il rendimento nel breve periodo, che in caso di conversione valutaria possano ad esempio utilizzare i fondi per effettuare pagamenti nella valuta convertita, senza la necessità di ritornare alla divisa di origine. Non si tratta di un prodotto di copertura dal rischio di cambio. 

In questa forma di deposito gli interessi vengono pagati a scadenza e non in via trimestrale; la ritenuta vigente è del 26% a titolo di acconto per le aziende.
Il deposito Dual Currency non può essere rimborsato al cliente prima della scadenza pattuita; a fronte di ciò la scadenza scelta può essere anche molto breve (minimo 1 mese).

Analizziamo due casi pratici, a titolo di esempio


a) Depositante in Euro con potenziale conversione in dollari USA

In questo caso si supponga che un'impresa detenga liquidità in euro e sia acquirente abituale di dollari USA per regolare importazioni di merce; decide di sottoscrivere un deposito vincolato di tipo dual currency in euro, con potenziale conversione in dollari USA; qualora l'impresa ricevesse dollari, li utilizzerà per i pagamenti del caso. 
Cambio spot: 1,1250 (il valore del cambio e i tassi corrispondenti si riferiscono solo al caso in esame).
Il Cliente effettua un deposito in euro della durata di tre mesi al tasso fisso del 2% act/act su base annua, con livello di conversione pari a 1,1500.

Scenari alla scadenza

  1. il tasso di cambio eur/usd si trova al di sotto di 1,1500 (es. 1,1300): in tal caso il Cliente riceve gli interessi calcolati al tasso annuo del 2% e non ha alcun obbligo di conversione degli euro depositati in usd;
  2. il tasso di cambio eur/usd si trova al di sopra di 1,1500 (es. 1,1900): in tal caso il Cliente riceve gli interessi calcolati al tasso annuo del 2% ed è obbligato a convertire gli euro depositati e gli interessi maturati in usd al cambio di 1,1500.

b) Depositante dollari USA con potenziale conversione in Euro

In questo caso si supponga che un'impresa detenga liquidità in dollari USA a fronte di incassi ricevuti e non coperti con strumenti di copertura dal rischio di cambio; ad oggi non vi è necessità di trasformare il deposito in euro, però questo deposito verrà prima o poi convertito in euro, in base alle evoluzioni del tasso di cambio.
Cambio spot: 1,1250 (il valore del cambio e i tassi corrispondenti si riferiscono solo al caso in esame).
Il Cliente effettua quindi un deposito in USA della durata di tre mesi al tasso fisso del 3% act/act su base annua, con livello di conversione pari a 1,1000.

Scenari alla scadenza

  1. il tasso di cambio eur/usd si trova al di sopra di 1,1000 (es. 1,1300): in tal caso il Cliente riceve gli interessi calcolati al tasso annuo del 3% e non ha alcun obbligo di conversione dei dollari depositati in euro;
  2. il tasso di cambio eur/usd si trova al di sotto di 1,1000 (es. 1,0500): in tal caso il Cliente riceve gli interessi calcolati al tasso annuo del 3% ed è obbligato a convertire il capitale depositato e gli interessi maturati in euro al cambio di 1,1000.

La coppia di divise, la durata, l'importo ed il binomio tasso d'interesse/livello di conversione sono a scelta del Cliente, in quanto l'operazione (al pari dei derivati OTC) è totalmente personalizzabile. E' possibile utilizzare anche altre valute come franco svizzero/CHF, dollaro canadese/CAD e sterlina inglese/GBP.

Ricordiamo che gli interessi maturati sono tassati all'aliquota attuale vigente (alla data di prima redazione di questo documento pari al 26%), ma l'impresa recupera la ritenuta come credito d'imposta; il deposito non potrà essere rimborsato anticipatamente.